Cleto Di Giustino

Cleto Di Giustino

 

La fotografia di Cleto Di Giustino trova origine in una istanza interna, avvertita come urgenza espressiva, che tende verso una personale individuazione incentrata sul paesaggio agrario e le sue caratteristihe. La focalizzazione di tale ricerca è stata certamente favorita dall'ampia conoscenza visiva da lui posseduta in quest'ambito, anche per ragioni professionali. L'artista, nel suo contatto quotidiano con la campagna, ha avuto infatti la possibilità di osservare il terreno in molteplici circostanze, dunque nelle varie declinazioni offerte dal paesaggio naturale, finchè questo non gli si è presentato attraverso particolari che rivelassero una loro peculiare consistenza autre. Da qui l'eliminazione nei suoi lavori di una tradizionale visione paesaggistica e la conseguente, personale individuazione che fa risaltare l'elemento materico, permettendo così di leggere l'opera in un'ottica postinformale. Un senso di pacata elegia, che le immagini tratte dal mondo agrario e pastorale presentano con costanza, non riguarda solo il particolare di un territorio assunto come momento iniziale di riflessione, ma è anche la testimonianza di uno stato d'animo dell'artista, che si immerge in una realtà tranquilla e lontana dai frastuoni della città e dai ritmi frenetici della vita odierna. Tuttavia non manca in alcuni lavori di Cleto Di Giustino il riflesso di una sofferenza emotiva, poichè a volte emergono con intensità aspetti di vibranti contrasti linearistici e plastici che danno alle superfici materiche un senso di inquieta drammaticità, ben evidente anche in assenza di riscontri narrativi.

Opere dell'autore;
Emergenze plastiche
Dissolvenze 2
Rarefazione 2
Dissolvenze 1
Stratificazioni tissulari 1
Rilievi emergenti
Implosioni materiche